11_Wojtila: Dimenticanze Interessate

ISTITUTO DI STUDI COMUNISTI

KARL MARX – FRIEDRICH ENGELS

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.istcom.it

 

Lettere dell’Istituto 11

 

Wojtila:

Dimenticanze interessate.

 

Premessa.

Chi scrive non è affatto cattolico o credente,essendo un materialista dialettico,

cionondimento si utilizza la terminologia propria della teologia cattolica.

 

Wojtila nella abitudinaria prolusione domenicale, Domenica 19. settembre. 2004, parlando della grave ondata di terrorismo e di violenza ha posto il problema del

Perché Dio permette tutto questo? Fino a quando?.”

La risposta che ha dato è stata che dio stesso non ha risolto il grave problema, lasciando tutto in un indistinto dominio del Male a cui lo stesso suo figlio, Cristo, è stato sacrificato.

Questi i fatti.

Adesso Wojtila non ha espresso affatto sul tema la teoria della Chiesa Cattolica, Apostolica Romana. Non ha espresso affatto l’elaborato della Patristica1; non ha espresso l’elaborato di Agostino d’Ippona ( noto come sant’Agostino ); meno che mai ha espresso quello di Tommaso D’Aquino, massimo teorico della Chiesa ( noto come san Tommaso ).

Wojtila, cioè, rompe in maniera netta ed eclatante con il Nuovo Testamento, ripristinando su tale tema la vulgata trucida e sanguinaria del Vecchio Testamento.

 

La tematica costituisce una questione sempre dibattuta sin dalle origini del cristianesimo.

La questione teologica è questa:

se dio è onnisciente, e quindi sa tutto, lui è a-tempo, ossia è presente-passato-futuro, lui, quindi, sa già da ora cosa gli uomini faranno e quindi quanto l’uomo fa non è che il disegno divino che si realizza – noi stiamo qui seguendo la teologia cattolica;

se dio è onnipotente, e quindi è in grado di operare qualunque cosa, è in grado di intervenire sulle umane tragedie, in questo caso l’attuale situazione con i suoi lutti ed efferatezze.

Ancora.

Se il dolore, la sofferenza, la mortificazione sono prove a cui il dio sottopone gli uomini, perché, poi, permette atrocità tali che esulano ed oltrepassano il dolore come prova e consente ad alcuni uomini ricchezze immani ed efferati crimini?

 

La risposta che viene elaborata è la teoria del libero arbitrio, ossia il fatto che il dio sappia non influisce sulle scelte dell’uomo, che da solo sceglie tra il bene ed il male, avendo il dio dato all’uomo la facoltà di discernere il bene dal male.

Quanto accade agli uomini è allora esclusivamente scelta degli uomini; è unicamente opera degli uomini. Gli uomini sono cioè responsabili del loro destino e sarà in base al loro aver operato sulla base del discernimento tra il bene ed il male che essi si conquisteranno o meno la grazia eterna.

Nel Nuovo Testamento questo concetto è ben espresso, quando Cristo nell’orto di Getzemani implora aiuto al padre suo, il dio-Padre non interviene in soccorso del figlio, giacché spettava al dio fatto uomo, ossia a Cristo, scegliere, senza alcun intervento che alleviasse o allontanasse la prova.

Tommaso D’Aquino, XIII secolo, dinanzi alla possente offensiva dell’eccellente cultura araba – uno dei pilastri di tutta la civiltà europea, oltre che della scienza moderna, che ovviamente non ha nulla a che fare con l’islamismo e con teorie religiose arabe varie – che poneva sul tappeto i problemi della ricerca scientifica, sollevando così le antinomie tra quanto nella Bibbia e quanto la conoscenza degli uomini, D’Aquino sviluppa ed elabora la teoria del libero arbitrio anche sul piano della ricerca scientifica.

D’Aquino costruisce questo impianto teorico:

la scienza divina è scienza superiore e le ricerche degli uomini tendono a scoprire, conoscere tale scienza divina. L’uomo, quindi, deve indagare la natura, perché solo indagandola conoscerà Dio, che è in ogni cosa, e potrà così goderne della sua perfezione e magnanimità.

Deve con il suo libero arbitrio, con le facoltà intellettive e quella del discernimento tra il bene ed il male indagare la Natura e così conoscere meglio il dio ed il suo operato.

Se nel corso di tale indagine si pongono antinomie tra quanto la scienza divina afferma, espressa nella Bibbia, e quanto la conoscenza umana, poiché tra le due – siamo qui in pieno impianto della logica aristoteliana, ossia della logica formale – la superiore ed universale è quella divina e la inferiore e parziale è quella umana, perché essa stessa in itinere, ossia in sviluppo, in continua formazione, allora occorrerà prestare fede alla superiore, perché scienza che viene direttamente dal dio, che tutto ha creato e quindi tutto sa. L’indagine successiva degli uomini, il progredire della loro conoscenza, consentendo di ampliare le conoscenze, consentirà di comprendere meglio il piano generale divino della creazione, determinando così il superamento dell’antinomia.

( T. D’Aquino, Summa Teologia, parte prima, ed. Paoline 1962 – editio latina.

La teoria è esposta in vari capitoli, denominati “ Quaestio”. ).

Come ben si vede D’Aquino difende ed elabora, rispetto alle sfide dei tempi, il principio del libero arbitrio.

Ed esso viene esplicitamente e nettamente espresso nell’ultimo atto ufficiale, il Concilio Vaticano secondo, Documento Conciliare IV, “ Chiesa nel mondo”, par. 17 “ Eccellenza della Libertà”, che non fa altro che confermare consolidata tradizione teorica.

 

La teoria del Libero Arbitrio.

Costituisce sul piano della teoria un punto decisivo, fondamentale, discrimine irrinunciabile, che traccia la differenza tra l’ebraismo ed il cristianesimo.

L’ebraismo costituiva una delle tante religioni dell’Asia Minore – Iran, Iraq Egitto, sostanzialmente dell’area Nilo-Tigri/Eufrate – , di struttura monoteistica, che avevano al fondo il messianesimo, ossia l’attesa dell’uomo che avrebbe posto fine alla sottomissione, allo sfruttamento ed all’oppressione e dato inizio così ad una nuova era.

Esprimevano teorie di liberazione di popolazioni schiave nella forma mistica della religione, ove l’uomo-dio si identificava con il capo, quale mito e proiezione mitica dell’invincibilità e della ineluttabilità dell’evento.

L’ebraismo si esprime essenzialmente nel Vecchio Testamento ove vi è una concezione del dio vendicatore e sanguinario, spietato verso il suo stesso popolo eletto, vendicatore di torti. Qui il rapporto uomo-dio è di totale subordinazione dell’uomo al dio, ove l’uomo è semplice strumento della volontà del dio in terra e dove l’uomo non ha alcun potere di decidere, tutto è inscritto nel piano della provvidenza divina. Il popolo ebraico era il popolo eletto dal dio.

Le numerose altre religioni dell’area, ciascuna, a seconda di quale “ nazione” o tribù era espressione, eleggeva popolo eletto quella tribù.

In quanto tale ciascuno viveva entro quel ristretto ambito della propria tribù e quella “ religione” costituiva l’identificazione culturale e politica di ciascuna gens o tribù o “ nazione”.

Con la crisi dell’impero romano queste teorie di liberazione si coniugano con la più generale crisi della società schiavista, con la lotta delle moderne forze produttive contro i rapporti di produzione schiavisti. E’ la “ nazione” ebraica, ossia la tribù dei Giudei, di cui Cristo ne era il “ re” 2,che conduce una lotta più intransigente contro il dominio romano, tenendo impegnate legioni romane, di cui emblematici i fatti di Masada del 70 dell’era volgare.

Questo determina che dall’Asia minore vengono queste teorie in Roma, importate da schiavi e liberti, in una situazione di crisi della stessa cultura latina, e la loro diffusione nella stessa cittadella dell’impero: la città-stato Roma.

Ma, così, come esse erano originariamente elaborate, non potevano avere alcun sviluppo di massa ed interesse per i traci, i macedoni, gli illiri, gli iberici, gli osco, i sabini, gli etruschi, e per le varie altre “ nazioni” sfruttate e rapinate da Roma; meno che mai la massa degli schiavi che non era certo solo giudea. Assolutamente non era comprensibile dalla massa delle classi e dei ceti impoveriti romani e dal “ civis” romano: contadini, artigiani, in una il popolo romano. Assolutamente rigettato da quella massa di intellettuali educati all’ellenismo, che pure avvertivano tutta la decadenza e si ponevano in opposizione critica.

Toynbee e Finley3 hanno ben studiato questo tema, che qui sintetizziamo, pur rinviando al lavoro dell’Istituto su tutta la complessa tematica dell’acquisizione del cristianesimo quale teoria di lotta contro la società schiavista4.

Il problema era quello di elaborare l’ebraismo sulla base della coscienza e della tradizione ellenistica, ossia greco-romana, sottraendolo al carattere limitato, angusto, localistico, di tribù così da renderlo comprensibile, metabolizzabile da tutte le altre genti dominate da Roma, consentendogli così di assolvere al ruolo unificante, di teoria della liberazione di tutti i popoli del basso e medio mediterraneo: teoria generale della transizione dalla società schiavista a quella feudale.

In via immediata andava abbattuto quell’esclusivismo che identificava il popolo eletto in quello giudicaico e destrutturato l’impianto primitivo, elaborandolo alla luce della tradizione teorica e della coscienza civili, culturali, istituzionali, letterarie delle altre genti.

La tradizione ellenistica non avrebbe mai accettato quel rapporto di servaggio uomo-dio dell’ebraica, essendo sua concezione un rapporto più libero ed articolato del dio e delle divinità.

Andava, inoltre, risolta una massa di questioni teoriche che consentissero al cristianesimo di fondarsi come teoria generale, emancipandosi dall’ebraismo, ossia da quella primaria forma primitiva.

La Patristica è esattamente questo, di cui Agostino d’Ippona ne è sistematizzatore e teorico emerito.

Dell’intero impianto il principio del libero arbitrio costituiva, e costituisce, elemento discriminante netto, un pilastro di tale processo fondazionale ed emancipazione dall’ebraismo, ossia da quella primitiva forma delle teorie monoteiste dell’area Iran-Iraq-Egitto.

 

 

 

 

Adesso.

Proprio ed esattamente del libero arbitrio Wojtila si è dimenticato.

Se introduciamo questo concetto, risulta che sono gli uomini i responsabili del proprio destino e non un astratto Male e quindi spetta agli uomini in base alla loro capacità di discerne il bene dal male di trovare la via per disegnare un altro loro destino.

Ed è proprio ed esattamente questo che Wojtila voleva nascondere, occultare in una fase di ripresa delle forze della transizione e del cambiamento, per prospettare una mitica quanto inconcludente lotta contro un indeterminato Male che sovrasta gli uomini ed a cui lo stesso dio ebraico non è stato in grado di darvi risposta ed a cui, quindi, gli uomini non possono che inchinarsi.

Adesso, poiché è verità conclamata che l’attuale situazione è determinata dall’aggressività dell’imperialismo statunitense con le sue azioni fortemente destabilizzanti – lo stesso Koffi Annan, Segretario Generale dell’ONU lo dichiara apertamente – e poiché sale in maniera imperiosa la richiesta di libertà e giustizia economiche, sociali, politiche, culturali, ossia gli uomini tornano a pretendere di essere i padroni dei loro destini, l’intento ideologico della dimenticanza di Wojtila appare in tutta la sua pienezza; si configura, cioè, “ dimenticanza assai interessata”.

Spostando tutto su un indeterminato Male a cui lo stesso dio ebraico non è in grado di affrontare ed a cui ha sacrificato il suo stesso figlio e quindi agli u omini non resta che inchinarsi, Wojtila copre e legittima tutti i futuri crimini e misfatti efferati a cui gli uomini non possono opporsi e che devono accettare, perché prodotti da quell’indeterminato Male a cui lo stesso dio non è in grado di dare soluzione ed a rafforzare tale impotenza e la consequenziale accettazione l’affermazione che il dio vi ha sacrificato il suo stesso figlio.

In verità la venuta del Cristo, secondo la più consolidata tradizione, non ha niente a che vedere con tale sottomissione al Male, ma con la liberazione dell’uomo dal peccato originale, il ristabilimento dell’alleanza degli uomini con il dio, ecc. ecc.

Wojtila si è fatto, così, interprete delle istanze più sanguinarie del capitale finanziario mondiale e statunitense in modo particolare; ha dato voce all’ala più estremista del cattolicesimo statunitense, che sostiene Bush e che costituisce la congregazione più influenze e finanziariamente più forte del Vaticano, che ha portato Wojtila al papato: i Marcinkus, per intenderci.

E così facendo, compie un pesante passo indietro, lacerando con tutta la consolidata tradizione.

 

Certo questo può essere solo indice della ben grave crisi in cui versa il Vaticano, dinanzi all’incedere maestoso della tempesta non può che arretrare ed attestarsi sulle sue più arretrate e primitive linee, condizione indispensabile per poter dar vita a quell’unità delle religioni, a cui il recente Convegno di Milano ha cercato di ridare fiato, dopo il disastroso fallimento della Convention di Chicago del 1992. Esse costituiscono la risposta di vecchie e superate superstizioni e credi e miti contro l’incedere di una coscienza materialista, a cui il progresso scientifico e tecnologico dà impulso, come parte della più generale lotta ed opposizione delle moderne forze produttive contro l’ancient regime.

mercoledì 22 settembre 2004

1 Con questo termine si intende l’elaborato dei primi secoli: Ambrogio, Origene, ecc.

2 L’iscrizione “ INRI” sulla croce sta infatti per Iesus Natus Rex Iudeorum ( Gesù Nato, re dei Giudei ).

Il termine “ re” va intenso nell’accezione che viene data da Engels, Origine della famiglia, ossia nel senso di “ basileus”, capo-tribù, capo di una gens. I cento senatori che costituirono il primo senato, altro non erano che i capi delle cento gens di cui era originariamente costituita la città-stato di Roma.

3 Toynbee, Il mondo ellenico, ed. Einaudi

Finley, Gli antichi greci, ed. Einaudi

4 Processi della Transizione, la transizione dalla società schiavista a quella feudale.